Archivio dell'autore: BiciCaffe

Informazioni su BiciCaffe

Non credo che nel nostro paese esista una città adatta alle bici, fatta eccezione di alcuni casi di piccoli centri come Ferrara o altri esempi di paesi o città pianeggianti, il resto delle città ha sempre lo stesso problema e le dinamiche sono comuni a quelle ritrovabili a Milano, Roma, Firenze, Napoli, Palermo, Genova, ecc. E’ la nostra mentalità che deve cambiare e favorire nuove abitudini di spostamento, più efficenti, più pratiche e che non provochino danni a noi stesse ed all’ambiente. Non parlo solo delle emissioni nocive, se anche tutto il parco auto fosse sostituito da veicoli con motori elettrici, comunque, non ci saremmo salvati dall’invasione dovuta ai troppi mezzi in circolazione. Usare un’auto per percorrere pochi chilometri da soli è illogico, anti economico, inquina sia da un punto di vista di emissioni nocive che per quanto riguarda il traffico ed il parcheggio, è stressante e non aiuta a tenersi in forma fisica come camminare o andare in bici. Per colpa delle auto ormai non è possibile nemmeno passeggiare tranquilli e chiacchierare con qualcuno perchè le auto hanno invaso tutti gli spazi rendendo le città non più a misura d’uomo. Nei momenti di traffico, cioè praticamente sempre, le auto hanno una velocità media inferiore a quella che può tenere una bicicletta ed in particolare una bici elettrica che può muoversi a 25 km/h ed in caso si tratti di una bici elettrica provvista di omologazione (ciclomotore elettrico) può arrivare oltre i 40 km/h. E’ proprio per permettere alle persone di rivalutare le proprie convinzioni che desideriamo offriere la possibilità di provare i nostri mezzi ed in particolare le biciclette FLYER. Chi lo ha fatto è rimasto entusiasta ed ha scelto questo mezzo. Purtroppo c’è ancora troppo poca informazione perchè il mercato dell’auto continua ad essere incentivato facendo leva sull’illusione che si da alle persone di avere un mezzo che permetta loro maggior libertà, quando in realtà è esattamente il contrario. Le regole dovrebbero essere cambiate, prendendo spunto da quelle per la navigazione delle barche prive di motore ossia le biciclette dovrebbero avere la precedenza su tutti i mezzi a motore, l’unica eccezzione potrebbero essere per il tram ed i mezzi pubblici che non possono fermarsi per lasciar passare una bicicletta. Può sembrare folle ma una volta che ci si è abituati, la qualità della vita migliorerebbe per tutti. Concordo sul fatto che ci siano ciclisti indisciplinati, probabilmente lo sono perchè il codice della strada è fatto da persone senza competenza e che non tiene conto dei diritti dei più piccoli come pedoni e ciclisti perchè come già detto tutto è dovuto alle auto.

La tecnologia automotive Bosch sulla «verde» eBike

L’impegno della multinazionale tedesca per la mobilità e il trasporto sostenibile vengono sottolineati da una speciale bicicletta con supporto elettrico. Vediamo come funziona. Tratto da http://www.ilgiornale.it Per chi è in sella a una bicicletta, diretto al lavoro o per una … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti